Il rancio

 

Il rancio.

 

Alla mattina c'è il caffé,

ma senza zucchero, ma senza zucchero;

alla mattina c'è il caffé,

ma senza zucchero perché non c'è.

 

A magnà poch poch poch

si diventa fiach fiach fiach

si diventa strach strach strach

si diventa gnech gnech gnech.

 

A magnà poch poch poch

si diventa fiach fiach fiach

si diventa strach strach strach

si diventa gnech gnech gnech.

 

A mezzogiorno la pastasciutta,

ma senza burro… perché non c'è.

E alla sera c'è la zuppa,

ma senza pane… perché non c'è.