Montagne belle

 

Montagne belle.

Chiaman le vette ricoperte in neve

con l'occhio fisso nell'azzurro ciel,

l'armonioso loro accento lieve

ha del mistero pur l'arcano vel.

La brezza è al viso,

qual materna carezza che già fu:

apre il sorriso

nell'aspra marcia che ci porta in su.

Montagne belle,

primo a voi ride il sole mattutino;

ridon le stelle

a notte nell'immenso ciel turchino;

cantano arcane

le nevi, i fiumi, i pini, i prati in fior;

mormorano gli ontani, tintinnano i campani,

e dal profondo canta il nostro cuor.