Preghiera dell'Agente di Custodia (anno 1954)

 

PREGHIERA DELL’ AGENTE DI CUSTODIA (anno 1954).


Dal grigiore delle carceri,

ove la umanità che ha violato le leggi degli uomini

espia le proprie colpe, noi vogliamo, o Signore,

che il nostro spirito, superando ogni barriera,

si avvicini a Teper ricevere fede e costanza

nell’adempimento del dovere.

Ispiraci, o Madre di Dio,

misericordia per coloro che soffrono in modo

che siano in noi conciliati il sentimento fraterno

e la necessità del dovere.

Dacci, o San Basilide, la forza perché mai venga in noi

Ad affievolirsi l’impegno di servire la società

Nel nome di Dio e della Patria.

Benedici, o Signore,

la nostra Patria,

i nostri reparti,

le nostra famiglie

e i fratelli che ci sono affidati.

Questo ti chiediamo, o Signore.