Preghiera dell'Aviatore (altra versione)

 

 

Preghiera dell’Aviatore (Altra versione)

Dio di potenza e di gloria,

che doni l'arcobaleno ai nostri cieli,

noi saliamo nella Tua luce, per cantare,

col rombo dei nostri motori,

la Tua gloria e la nostra passione.

Noi siamo uomini,

ma saliamo verso di Te

dimentichi del peso della nostra carne,

purificati dei nostri peccati.

Tu, Dio, dacci le ali delle aquile,

lo sguardo delle aquile,

l' artiglio delle aquile,

per portare - ovunque Tu doni la luce

l' amore, la bandiera, la gloria,

d' Italia e di Roma.

Fa, nella pace,

dei nostri voli il volo più ardito:

fa, della nostra forza la Tua forza, o Signore;

perché nessuna ombra

sfiori la nostra terra.

E quando l’ora da te segnata sarà giunta,

fa che la nostra ala spezzata

ci porti nel più alto dei cieli.

E tu madonna santissima di Loreto,

proteggi le nostre cause,

le nostre famiglie,

e i nostri aviatori.

E sii con noi, come noi con Te,

per sempre !

I versi in corsivo sono stati aggiunti, al 25° raduno della 7^ Compagnia Marconisti Operatori, VI° Corso Normale, nel settembre del 1979, da Pompeo GIOTTOLI (il poeta) che al momento è il Presidente di Sezione Associazione Arma Aeronautica di ROE’ VOLSCIANO (BS).